Gelato veg alle nocciole

Gelato veg nocciole

Quando il caldo arriva in modo prepotente, mi rifugio tra bevande ghiacciate e gelati.
Ecco, i gelati.
Provate voi a vivere qui tra i monti e chiedere un gelato senza lattosio: E-R-E-S-I-A

(altro…)

Ghiaccioli Moscov Mule

ghiaccioli moscov mule

Era da un bel po’ che volevo portare la mia innata [ 😇 ] passione per i drink in un ghiacciolo e così ci ho provato, partendo dal Moscov Mule.
Questo cocktail, molto in voga al momento, ma che arriva dalla California degli anni ’40, è preparato con ginger beer, vodka e succo di lime. Ne esistono tantissime varianti –quella che preferisco ha anche il mirtillo– ma la ricetta tradizionale è quella su cui mi sono basata per realizzare i ghiaccioli.

(altro…)

Gelati su stecco ai frutti viola, yogurt greco e cioccolato bianco

gelativiola1
Vi succede mai di avere quelle giornate in cui tutto parte storto con una telefonata infelice alle sette di mattina e poi tutto va sempre peggio? Ecco, oggi va così.
Per fortuna quando sono tornata a casa con lo stomaco chiuso e gli occhi lucidi ho aperto il freezer e vi trovato questi piccoli gelati.
E’ pazzesco come un velo leggero di cioccolato bianco possa far tornare uno sprazzo di sereno, soprattutto se accompagnato da un colore intenso ed a contrasto come il viola, che regala una punta acida equilibrandone la forte dolcezza.

Io ho preparato questi gelati (partendo da una ricetta del libro Gelato chez moi di Barabara Torresan, di cui vi ho parlato QUI ) mettendoli negli stampini per ghiaccioli (e nei bicchierini da caffè di plastica, inserendo il bastoncino dopo circa 1 ora di freezer, poi basta tagliarli quando sono perfettamente congelati), ma potete anche versare il composto addizionato di due cucchiai di Vov o altro liquore dolce in una vaschetta –o stampo per plum cake rivestito di carta da forno– e servirlo con la paletta da gelato, lasciandolo riposare circa 15 minuti dopo averlo tolto dal congelatore.
La ricetta di frutta+yogurt l’ha resa famosa Jamie Olivier, in rete ve ne sono di tutti i tipi e questa, sicuramente meno light, ma che ne guadagna in gusto, è deliziosamente buona.

(altro…)

Gelato al wasaby, matcha e cioccolato

gelato, wasaby, matcha, cioccolato, 70%, valrhona, easy, senza gelatiera, latte condensato, panna
In questo gelato ci vedo un po’ la vita di tutti i giorni, che cerca di arricchirsi di colore, continuamente punzecchiata da note piccanti, che non capisce se è dolce o salata, che ad ogni morso trova un piccolo pezzetto di cioccolato croccante, amaro, che poi sprigiona sapore e avvolge il palato in un abbraccio sincero.
Perché ci sono gli stravolgimenti, le stranezze, i picchi verso l’alto o verso il basso, ma quando hai una base al latte condensato sai quali sono i tuoi punti fermi, quelli che ti trattengono ancora qui nonostante tutto, che ti ancorano alla speranza di un futuro sereno, senza guai che ti tolgono il sonno.
La dolcezza, gli affetti, le persone vere e sincere, quelle che sanno abbracciarti anche da lontano, stringerti e farti capire che forse il futuro potrà essere migliore e che le ferite sono insegnamenti che nessuno ti toglierà mai.

Prometto che per un po’ niente più gelati, ve ne ho proposti di tutti i tipi: deliziosamente strambi, variegati, sorbetti, biscotti-gelato salati ed oggi questo, che vi assicuro è tanto strano quanto buono, dolcissimo, con il pizzicore del wasaby, il profumo del matcha e lo scrocchiarello del cioccolato che ve ne faranno desiderare ancora, e ancora…

Ovviamente è facilissimo perché non serve la gelatiera e rimane comunque morbido grazie al latte condensato ed al rum, che non si sente per nulla! (sono partita sempre dalla ricetta furbissima dell’araba più felice del web, Stefania)

(altro…)

Biscotto gelato al Parmigiano e zafferano con polvere di crudo

biscotto gelato, parmigiano, zafferano, prosciutto crudo, 4cooking, PRChef2015
Ultimamente sono in fissa con i gelati: ho un freezer pieno di frutta congelata per fare sorbetti veloci, vaschette con varietà cremose e una con un gusto particolare (che vedrete venerdì…).

Oggi vi presento la mia ricetta per partecipare al concorso 4Cooking di Parmigiano Reggiano, #PRChef2015, che metteva a disposizioni tre tipologie di Parmigiano, a diversi stadi di invecchiamento (12-24-36 mesi) per realizzare una ricetta con massimo 4 ingredienti.
Non è stato semplice, ho pensato a lungo su come realizzare una cheesecake, poi un panino, poi un trittico di consistenze diverse, ma alla fine ho voluto realizzare un biscotto gelato salato.
Mi piace la diversità di consistenze che ne è uscita, con ingredienti che potessero dare risalto a questo formaggio eccezionale, enfatizzandolo con gli aromi della brisée allo zafferano e la polvere di prosciutto crudo che andrà a ricoprire parzialmente il gelato.

(altro…)

Sorbetto easy all’ananas e salvia

fiori, gelato, ananas, salvia, melassa di cocco, easy, senza gelatiera, sorbetto
Congela delle emozioni a dadini.
Toglile dal freezer, aspetta qualche minuto, spolverale con aria di mare e fiori, e dolcificale con l’affetto.
Frulla tutto assieme, velocemente, ad occhi chiusi.
Apri il boccale e assapora la vita, quella che vorresti, quella che sogni.
Perché spesso la bellezza, la felicità, si nascondono dietro alle cose più semplici, come la ricetta di un sorbetto, veloce, facile e profumato.

(altro…)

Gelato variegato panna, ciliegie e fragole

gealto, variegato, frutta, panna, morbido, senza gelatiera, easy
La semplicità di un dolce fruttato e fresco.
Questo è il gelato di oggi, ispirato all’ormai più famosa ricetta di Marta Stewart portata alla ribalta dalla fantastica Stefy aka Araba Felice.
Pochi ingredienti, modificabili in mille varianti golose, niente gelatiera e tanto gusto morbido. Il tutto grazie alla piccola dose di alcol presente (io ho usato il Whisky, più precisamente Ballantines, che ha delle note fresche, di vaniglia, fiori e frutti che si abbinano perfettamente al gelato… lo ammetto ogni tanto ne verso un cucchiaio sui gelati cremosi!) che abbassa la temperatura di congelamento.

(altro…)

Gelati bigusto al pomodoro (e capperi) e panna al basilico (e pepe)

gelato salato, figern food, pomodoro, panna, capperi, basilico, pepe,contest, la fiammante, pomodoro italiano
Ricette studiate a lungo per amiche lontane.
Costruzioni mentali, viaggi arzigogolati, tentativi di incastro -nel poco tempo disponibile- di stratificazioni con contrasti di sapori, di consistenze, di colori e di profumi.
Con un finger-risultato semplice, ma che ha fatto festeggiare il mio palato.

La ricetta di oggi è un gelato che vira rispetto alla strada tradizionale, cercando di soddisfare la mia volontà di creare un finger salato e insieme giocare con il ribaltamento delle portate. Se infatti il gelato è di solito servito come dolce alla fine di un pasto, qui lo troverete nel buffet oppure come primo piatto che vi arriverà al tavolo e in una giornata calda rimarrete piacevolmente stupiti dalla freschezza, dai contrasti leggeri tra dolce e salato, dai profumi…
Insomma, devo continuare ancora oppure siete già pronti con stampini e bastoncini? 😉

(altro…)

Sorbetto alle fragole, mirtilli e ciliegie

Non so come sia il meteo li da voi, ma lo immagino.
Qui piove, e se non piove è nuvoloso, il sole passa per una-due ore un paio di volte a settimana, ed io penso sempre di più al Natale.
Cerco di mettere magliette leggere, mi convinco che sia estate, ma poi devo coprirmi con sciarpa e piumino perché il freddo-umido proprio non lo reggo.

L’altro pomeriggio avevo voglia di sorbetto; semplice, colorato e pieno di frutta.
L’ho preparato velocemente in pausa pranzo e l’ho messo in freezer, soddisfatta e contenta.
Ha piovuto tutto il pomeriggio.
Sono arrivata a casa e c’erano 17 gradi, ma non quelli belli freschi che sanno di riparo dalla calura, no, i soliti umidicci di un appartamento mal isolato.
Ma non potevo rinunciare al mio sorbetto. Mai!
Così ho preparato la cena, mi sono fatta la doccia, messa il pigiamino corto estivo, ho preso la coperta a quadri di lana e ho mangiato un’intera tazza piena di sorbetto ghiacciato, perché se è estate deve esserlo fino alla fine!
Questa è la storia del mio sorbetto, perché quando mi metto in testa una cosa devo portarla a termine e anche se pure oggi piove io voglio pubblicarlo lo stesso, perché sono convinta che prima o poi il sole tornerà!
Tornerà a portarci i colori e la luce che ho voluto enfatizzare in questa foto.
Sto sperimentando, provando e armeggiando in modalità manuale con la reflex e di 30 foto sul sorbetto solo questa si è salvata, ma visto che mi piace molto l’ho pubblicata.
Buon sorbetto ghiacciato a tutti voi!
Sorbetto alle fragole, mirtilli e ciliegie
Ingredienti (4 persone):
-2 cestini di fragole;
-6 cucchiai di mirtilli selvatici;
-10 ciliegie;
-4 cucchiai colmi di miele d’acacia.

Preparazione:

Lavate la frutta, delicatamente, togliete la parte verde alle fragole ed il nocciolo alle ciliegie.
Versate tutti gli ingredienti in un frullatore e rendete il tutto una purea.
Accendete la gelatiera e versate il composto, facendola funzionare per circa 15 minuti: et voilà, il sorbetto è pronto!
Se non avete la gelatiera lavate, pulite ed asciugate la frutta, quindi mettetela nel congelatore. 
Quando è perfettamente congelata prelevatela dal freezer, mettetela nel frullatore insieme al miele ed azionatelo. Avrete un sorbetto subito pronto e velocissimo da fare (e bere)!

Gelato allo yogurt e lavanda

Ultimamente mi è presa la mania del gelato.
Qui non fa un giorno senza pioggia, infatti spesso lo mangio sotto la coperta di lana (a quadrettoni stile nonnetta), eppure non riesco a farne a meno.
Adoro i gusti fruttati, sotto forma di semplice sorbetto, che permette di assaporarne appieno gli aromi, ma ora mi sto lanciando su gusti più o meno cremosi come quello al cioccolato, o il classico alla vaniglia (con la ricetta infallibile della mitica Araba Felice).
Quello di oggi è particolare, profumatissimo e morbido.
Se volete ottenere un risultato più soft non mettete i fiori come finitura.
Unica regola importante: ingredienti freschi e freddisssssimi!
La ricetta mi è stata ispirata da In Tavola appena Colti, libro bellissimo e particolare, ma poi l’ho modificata un bel po’!
 
Con questa ricetta partecipo al mio appuntamento settimanale preferito, il venerdì sglutinato 100% Gluten Free (fri)day di GlutenFree Travel&Living . Controllate sempre che negli ingredienti non vi sia glutine (non si sa mai!), non mi fate sentire in colpa!!

 

 
Gelato allo yogurt e lavanda
 
Ingredienti (circa 6 porzioni):
 
-400 ml latte condensato;
-200 ml panna fresca;
-250 ml yogurt bianco;
-1 cucchiaino fiori di lavanda (i miei essiccati dall’ultimo raccolto dell’anno scorso);
 
Preparate lo yogurt ed il latte condensato il giorno prima e metteteli in frigorifero appena pronti (oppure se li comprate già pronti tenete i barattoli e la lattina in frigo per una notte almeno).
Per l’infusione di panna, fatela scaldare in un pentolino ed unitevi i fiori di lavanda, quindi lasciate intiepidire, coprite e mettete in frigorifero per tutta la notte.
Il giorno successivo unite in una ciotola il latte condensato, la panna filtrata e lo yogurt appena tolti dal frigo e mescolate bene.
Preparate la gelatiera, accendetela e versatevi il composto.
Fate mantecare per circa 20 minuti ed il gelato è pronto.
Se non avete la gelatiera mescolate bene gli ingredienti e poneteli in un contenitore ermetico in freezer. Dopo due ore prelevatelo e mescolate rompendo i cristalli di ghiaccio, rimettete in freezer per altre 2 ore ed è pronto. 
Prima di portarlo in tavola mantecatelo leggermente con una spatola e spolverate con qualche fiore di lavanda.
 
Riponete il resto in freezer e si conserverà per molti giorni senza cristallizzare eccessivamente, soprattutto se eviterete di fargli fare troppi sbalzi di temperatura (meglio mantecare e scongelare solo la parte di gelato che consumerete!)
 
 
 
CONSIGLIA Risotto al salto